mercoledì 2 giugno 2010

I Viceré - Federico De Roberto


Contenuto

Con "I Viceré" De Roberto raggiunge la pienezza e la forza espressiva del capolavoro. In questo romanzo storico, paragonabile per impianto e grandezza a "I Buddenbrook" di Thomas Mann, l'autore crea un equilibrio perfetto fra la rappresentazione del "decadimento fisico e morale d'una stirpe esausta" e le vicende dell'unificazione italiana. Il libro racconta la saga di una grande famiglia aristocratica siciliana di ascendenza spagnola, gli Uzeda. A partire dalla fatidica morte della capostipite, le vicende familiari si dipanano sullo sfondo di una Sicilia feudale e borbonica; e d'altra parte, la storia della Sicilia e dell'Italia entra, a poco a poco ma inarrestabile, nel recinto familiare.

Commento

Di solito quando parliamo di “verismo” in Italia, pensiamo subito alle opere di Giovanni Verga, come "i malavoglia" o "mastro don Gesualdo", ma anche il romanzo “I Vicerè” di Federico De Roberto merita un posto d’onore. Ambientato tra il risorgimento e l'unificazione (tra il 1850 e il 1882), la saga della famiglia Uzeda di Francalanza, ultimi discendenti dei Viceré spagnoli, personaggi corrotti e meschini, che si odiano l’uno con l’altro, rappresenta uno spaccato della società del tempo. Ci sono degli episodi indimenticabili, come il discorso di Consalvo al comizio elettorale, dove parla per ore senza dir niente (mi ricorda certi discorsi elettorali dei nostri giorni)… o come il discorso finale alla zia Ferdinanda..
... Noi siamo troppo volubili e troppo cocciuti ad un tempo. Guardiamo la zia Chiara, prima capace di morire piuttosto che di sposare il marchese, poi un'anima in due corpi con lui, poi in guerra ad oltranza. Guardiamo la zia Lucrezia che, viceversa, fece pazzie per sposare Giulente, poi lo disprezzò come un servo, e adesso è tutta una cosa con lui, fino al punto di far la guerra a me e di spingerlo al ridicolo del fiasco elettorale! Io stesso, il giorno che mi proposi di mutar vita, non vissi se non per prepararmi alla nuova. Ma la storia della nostra famiglia è piena di simili conversioni repentine, di simili ostinazioni nel bene e nel male... Io farei veramente divertire Vostra Eccellenza, scrivendole tutta la cronaca contemporanea con lo stile degli antichi autori: Vostra Eccellenza riconoscerebbe subito che il suo giudizio non è esatto. No, la nostra razza non è degenerata: è sempre la stessa.
Titolo: I viceré. Ediz. integrale
Autore: Federico De Roberto
Editore: Newton Compton
Data di Pubblicazione: 2010
ISBN: 9788854119079


Nessun commento:

Posta un commento

Posta un commento