martedì 31 agosto 2010

La figlia del condannato – Frank Barrett

Introduzione:

Vi è mai capitato di sbirciare nella libreria di famiglia e notare nell’angolo più nascosto, dei libri di autori sconosciuti, che magari hanno avuto un grande successo al momento della pubblicazione e dopo sono stati dimenticati?
Beh a me è capitato spesso, soprattutto con i libri dei miei nonni, e uno in particolare ha attirato la mia attenzione: “la figlia del condannato di Frank Barrett”.
Di solito le copertine non m’interessano (valuto solo il contenuto del libro) ma in questo caso è stata la copertina che mi ha incuriosito: un uomo anziano con una ragazza in braccio in procinto di scappare e alle spalle un castello;
e ho iniziato a leggerlo...

Sinossi:

La figlia del condannato è la tragica vicenda del Marchese di Mountheron accusato falsamente di fratricidio. Costretto a nascondersi nei luoghi aspri e selvaggi della Grecia per sfuggire all’umana giustizia, vive solitario sfuggendo il consorzio umano. Unico conforto è la figlia Alessandra a cui nasconde il suo dolore. Un giorno, per un incontro fortuito, Alessandra viene a conoscenza del terribile peso che schiaccia suo padre e decide di riabilitarlo nel suo buon nome e nella sua posizione.
S’inizia così una serie di affascinanti peripezie con protagonista la giovane figlia del condannato, la quale per scoprire il vero colpevole, ritorna nel castello di Mountheron a servizio di lady Viviana, sua madre, che la piange morta.
Altri personaggi sono: il pretendente di lady Viviana, Rolando Ingestre, sedicente Marchese di Mountheron; Pierre Renard, un astuto e malvagio intrigante, Lord Kingscourt, il giovane innamorta di Alessandra; e altri personaggi di ogni specie e rango che concorrono a rendere drammatica la vicenda.


Recensione

"La figlia del condannato" è un bel romanzo "d'altri tempi" con una trama scorrevole e avvincente, dedicata alle famiglie (edito dalle “edizioni Paoline”, collana “il focolare”).
La protagonista è Alessandra, una ragazza molto coraggiosa che vive con il padre in Grecia e non sa niente delle sue origini, finché non scopre che il padre era un nobile condannato ingiustamente per l’omicidio del fratello e costretto a fuggire per non vivere il resto della sua vita in prigione.
Scopre che la madre è viva (ma prova del risentimento nei suoi confronti perché non l’ha mai cercata) e decide di trovare il vero assassino e mettere fine a questa ingiustizia.
Si presenta al castello di famiglia e diventa la dama di compagnia di lady Viviana (sua madre), una donna bellissima e altezzosa che nasconde in realtà un grande dolore, la perdita del marito e della figlia. Alessandra si rende conto che la madre cerca da anni un modo per riabilitare il nome del padre e che la crede morta.
Ovviamente lady Viviana non immagina che Alessandra sia sua figlia, eppure per un moto istintivo del cuore si affeziona moltissimo alla ragazza e vuole tenerla con se come una figlia adottiva.
Alessandra è l’eroina della storia, ha un cuore puro e crede nella giustizia, sicuramente è il personaggio più delineato (perché viviamo con lei tutte le avventure) e più positivo.
E’ un peccato che il romanzo sia fuori catalogo da anni, perché merita un posto in libreria.

Autore: Frank Barrett
Titolo: La figlia del condannato (altro titolo "La tragedia di Mountheron")
Editore: Edizioni Paoline - collana "il focolare"

24 commenti:

  1. E' l'unico libro fra i tanti che, periodicamente, sento la necessità di ricercare, rincorrere e rileggere. Ne venni a conoscenza tramite mia madre, che lo lesse quand'era giovane e me lo propose. Ricordo l'edizione: pagine lucide, cerate, ingiallite ma non infragilite; pagine scritte in caratteri fini. Un libro spesso, rilegato con colla e filo visibili di cui non ricordo invece la copertina.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi piace leggere e ho letto tanti libri di ogni genere, uno dei più belli è stato sicuramente "La figlia del condannato". Peccato che non si riesca più a trovarlo, nemmeno presso le Edizioni Paoline!

      Elimina
  2. Come l'anonimo sopra anche a me è stato proposto da mia madre nell'adolescenza. Lo rileggo periodicamente sempre con la stessa emozione e suspense, in genere dopo un periodo di black out con la lettura. Ne posseggo una copia del 1935 il titolo era "La tragedia di Mountheron". Ho appena terminato l'ennesima lettura e mi ha fatto immensamente piacere trovare la recensione sul tuo blog.

    RispondiElimina
  3. Mi fa piacere e vi ringrazio molto.
    E'un romanzo che amo molto e ho voluto ricordarlo con l'articolo sul blog.

    p.s.Non conoscevo il secondo titolo e ho aggiornato il post.

    RispondiElimina
  4. anche io ho letto da adolescente questo libro che mi è rimasto nei ricordi,mi è stato proposto da un educatrice che possedeva tutta la collana. E'veramente un peccato che sia fuori catalogo.

    RispondiElimina
  5. è un vero peccato, ci sono molti romanzi che meritano una ristampa

    RispondiElimina
  6. Anche mia madre lo aveva letto da giovane e lo aveva riletto quando aspettava mia sorella, che ha chiamato Costanza perché ricordava che la protagonista si faceva chiamava così.
    Purtroppo il libro non era suo, ma lo aveva preso in prestito in biblioteca, ma poi non era più riuscita a trovarlo.
    mi ha tanto parlato di questo libro che volevo regalarglielo, ma, ahimè, era introvabile.
    Finalmente, alcuni giorni fa ne ho trovata una copia usata in vendita e ho colto al volo l' occasione.
    Mi dispiace davvero che sia fuori catalogo perché è davvero un libro stupendo che merita e mi sembra strano che nessuno abbia mai pensato di farci un film o una fiction

    RispondiElimina
  7. Mi piacerebbe vedere una fiction tratta da questo romanzo.
    Se non ricordo male, Costanza è il vero nome di Alessandra...

    RispondiElimina
  8. Questo è un libro che mia nonna lesse da adolescente, poi lo fece leggere a mia madre e mia madre a me. Sono d'accordo con tutti i commenti sopra citati e ogni volta che guardiamo il film del Conte di Montecristo, ci chiediamo quanto sarebbe bello un film tratto dal libro La tragedia di Moutheron! anche a noi dispiace che non si riesca a trovarlo nelle librerie. La nostra è una copia del 1952, oramai le pagine si sono ingiallite e si stanno sgretolando e scollando come i rotoli della biblioteca di Alessandria d'Egitto, in pratica è una reliquia!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  9. la storia avventurosa e' molto intrecciata, io l'ho letto e riletto a distanza di qualche periodo, ma ogni volta sembrava la prima volta: lo capivo e aprezzavo sempre meglio.vorrei tanto poterne vedere il film anche se, ti rivedi un film leggendolo.Apassiona entusiasma e ti lascia l'animo dolce e sensibile, e' una storia pulita e romantica

    RispondiElimina
  10. cinzia grollo8 maggio 2012 00:42

    perche nessuno ci ha pensato davvero a farne un film con questo romanzo? forza registi abbiate il coraggio :vi appagheranno ecellenti soddisfazioni

    RispondiElimina
  11. la figlia del condannato lo lessi molto tempo fà ...devo ordinarlo, vorrei rileggerlo!

    RispondiElimina
  12. Anch'io ho letto il libro da adolescente, consigliato da mia mamma che l'aveva letto in collegio...la nostra è l'edizione raffigurata qui, del 66. È un bellissimo romanzo, romantico avventuroso e anche un pó "giallo"...la protagonista è straordinaria. Peccato davvero che nessuno abbia mai pensato di trarvi un film

    RispondiElimina
  13. Sto leggendo per l'ennesima volta questo romanzo..la mia è un'edizione Paoline, era di mia mamma e sta praticamente insieme con lo scotch!! ho cercato invano in internet un nuovo testo..ma niente..ed è un vero peccato!!
    la trama è scorrevole e piacevole...dovrebbero fare un bel film in effetti!!

    RispondiElimina
  14. L'ho letto piu' di una volta quando ero piccola..ora e' in uno scatolone in garage..e' bellissimo...vorrei che lo rimettessero in circolazione per farlo conoscere alle nuove generazioni!!!
    Federica Bargagna. Livorno.

    RispondiElimina
  15. La figlia del condannato è un libro bellissimo. Avendone una vecchia edizione mi sono creata il pdf ... cosi sono certa di non "perderlo" .... ogni volta che lo leggo è sempre un'emozione.....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il mio è un appello disperato. Per favore qualcuno sa dirmi dove posso trovare Ina copia anche se in pdf del libro La figlia del condannato?ve ne sarei immensamente grata.Per qualsiasi indicazione il mio indirizzo di posta è caty.butticci@gmail.com grazie infinite

      Elimina
  16. l'ho letto quando avevo dodici anni ( adesso ne ho sessantasette!!!) , l'ho tanto amato, poi è andato perso nei vari traslochi della vita. peccato! mi piacerebbe un sacco rileggerlo! chissà, forse in qualche mercatino dell'usato....ciao a tutte!

    RispondiElimina
  17. E' uno dei libri preferiti della mia mamma che me l'ha fatto leggere da bambina. E' uno di quei libri che ti rimangono nel cuore e che ogni tanto e' un piacere rileggere ...

    RispondiElimina
  18. Condivido l'entusiasmo, un grande amico della mia adolescenza!
    Vedo che viene riproposto da amazon:
    http://www.amazon.it/figlia-del-condannato-Frank-Barrett/dp/882150090X
    ad un prezzo non proprio popolare (€ 39,99).
    Gianluigi

    RispondiElimina
  19. L'ho letto tanti tanti (60 anni) fa ....me lo ricordo ancora è possibile trovarlo ancora in libreria ? Vorrei acquistarlo

    RispondiElimina
  20. Ho letto La tragedia di Mountheron quando frequentavo il secondo superiore e sto parlando di molti ma molti anni fa'Era un libro della biblioteca della scuola. Ogni tanto mi torna in mente ed ho voluto vedere se è ancora in circolazione, da quello che leggo,purtroppo non c'è più. Peccato! un romanzo molto bello.

    RispondiElimina
  21. Ciao, mi vengono i brividi leggendo questi vostri commenti!!!! Mia mamma che di anni ne ha 81 ha letto e amato tantissimo questo libro, ce ne ha sempre parlato tanto e a una delle mie sorelle ha voluto dare il nome di Alessandra. Mi farebbe piacere avere una copia in qualsiasi forma essa sia, lascio la mia mail per eventuali contatti: elisabetta.favaro64@gmail.com.
    Grazie di cuore a tutti

    RispondiElimina
  22. Ciao, sono molto interessata a questo libro emotivamente, mia madre me ne ha sempre parlato con tanta dolcezza. Lascio la mia mail, mi farebbe piacere trovarne una copia: elisabetta.favaro64@gmail.com grazie di cuore a tutti

    RispondiElimina