domenica 7 ottobre 2012

Incontro con Laura Florand

Bari 29 settembre 2012

Laura Florand è una scrittrice americana che è venuta in Italia per presentare il suo ultimo romanzo, “Ladra di cioccolato”, una storia d’amore ambientata a Parigi tra l’affascinante chocolatier francese Sylvain Marquis e l’ereditiera americana Cade Corey.

Ho avuto l’onore e il piacere d’incontrarla grazie a Giulia, l’addetta stampa della Leggereditore che ha organizzato un caffé con le blogger della mia città.

L’incontro si è svolto all’ombra del mitico Teatro Petruzzelli, in un pomeriggio di fine settembre che segnava 37 gradi, con altre due amiche blogger, Floriana de “la biblioteca del libraio” e Giada de “La mia passione i libri”.

Laura è arrivata puntualissima con Giulia e ci ha messo subito a nostro agio (non capita tutti i giorni di poter conversare con una scrittrice d’oltreoceano), è stata molto solare e disponibile con noi, parla l’italiano e l’abbiamo tempestata di domande sul romanzo e sulla sua esperienza a Matera al Women’s Fiction Festival “Chocolate Party” con le altre sue colleghe. Ci ha detto che la presentazione è andata bene ed è stata felice di passeggiare per le vie del paese ad un’ora così tarda come se fosse giorno.

Ha una grandissima passione per il cioccolato (da qui la trama del romanzo) e ama viaggiare, ha vissuto in Francia, Spagna e Polinesia francese ma ha iniziato a studiare il francese da bambina a Tahiti, attualmente lo insegna alla Duke University in North Caroline dove vive con suo marito Sébastien, un grafico incontrato durante i suoi anni universitari a Parigi.

Per quanto riguarda la storia tra Cade e Sylvain, alla domanda se si è ispirata a persone reali o eventi della sua vita, ha risposto che è tutta finzione perchè aveva già parlato della sua vita privata nel suo primo romanzo autobiografico “Blame to Paris” dove ha raccontato l’incontro con suo marito.
In “Ladra di cioccolata” ha utilizzato solo la sua esperienza di americana a Parigi che è “l’incontro tra il sogno e la realtà, una città che sognano tutti ma nel momento in cui diventa reale, nascono le vere difficoltà”, come la protagonista che incontra delle difficoltà con la cultura parigina, molto distante da quello che immaginava.

L’incontro non è durato molto perché doveva partire per Roma ma prima di andare via ha firmato le nostre copie del romanzo ed è stata così gentile da lasciare un messaggio ai lettori del blog:


Laura è stato un vero piacere conoscerti, sei simpaticissima e gentilissima.
Spero di incontrarti ad un prossimo tour nel nostro paese.

Questa è la foto con le blogger



Vi lascio con la sinossi del romanzo

Cade Corey è la figlia del principale produttore di barrette di cioccolato americano; Sylvain Marquis è il più raffinato chocolatier di Parigi. Lei vorrebbe mettersi in affari con lui, ma lui non intende svendere la sua arte a un colosso industriale. Lei però è disposta a tutto pur di creare un nuovo prodotto dal sapore inconfondibile e raffinato, in grado di accrescere la fama del suo già popolarissimo marchio, persino a rubare le ricette dell'ostinato e affascinante chocolatier. Presto la notizia che una ladra di cioccolato si aggira per le strade di Parigi rimbalza di giornale in giornale, fino al New York Times, portando così nuovi clienti al negozio, ma mettendo in serio pericolo la reputazione della donna. Tuttavia, in guerra e in amore non ci sono regole, e nonostante tutto l'attrazione fra i due non si farà attendere. Complice l'inebriante sensualità del cioccolato...

·  Titolo: Ladra di cioccolato
·  Autore: Laura Florand
·  Traduttore: Terziani S.
·  Editore: Leggereditore
·  Collana: Narrativa
·  Data di Pubblicazione: Settembre 2012
·  ISBN: 8865081872
·  ISBN-13: 9788865081877
·  Pagine: 329
·  Formato: rilegato
·  Prezzo: €. 10,00

4 commenti:

  1. Grazie, Ivana! E stato un piacere conoscerti anche per me! Chiedo scusa per tutti i miei errori in italiano. :( Spero di tornare presto a Bari e a Matera.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. speriamo di vederci presto :-)
      ciao Laura

      Elimina
  2. wow, complimenti!! bell'incontro!! mi incuriosisce molto il suo libro

    RispondiElimina